Circolare Inps 117 dell’11 dicembre 2018 – Prescrizione contributi dipendenti pubblici – riscatto servizio in scuole legalmente riconosciute che non hanno versato i contributi

Circolare Inps 117 dell’11 dicembre 2018 – Prescrizione contributi dipendenti pubblici – riscatto servizio in scuole legalmente riconosciute che non hanno versato i contributi

18 Dicembre 2018 Off Di amministratore
Condividi:

Circolare Inps 117 dell’11 dicembre 2018 – Prescrizione contributi dipendenti pubblici – riscatto servizio in scuole legalmente riconosciute che non hanno versato i contributi

Scarica la circolare –> Circolare Inps 117 dell’11 dicembre 2018 – Prescrizione contributi dipendenti pubblici

Lo scorso 11 dicembre, l’INPS – con l’approssimarsi del termine di decorrenza del 1° gennaio 2019 – ha provveduto ad emanare la circolare n. 117 con la quale ha differito l’entrata in vigore delle indicazioni fornite con la circolare n. 169/2017 (scarica cliccando qui –> Circolare INPS numero 169 del 15.11.2017)dal 1° gennaio 2019 al 1° gennaio 2020.

Perciò, l’Inps ha prorogato il termine ultimo di prescrizione dei contributi non versati al 1° gennaio 2020. A tal proposito, il personale della scuola può verificare la propria posizione contributiva prendendo visione del proprio estratto conto contributivo.

Per effettuare il controllo della propria posizione personale, necessita accedere all’area riservata (MyINPS) con le proprie credenziali (codice fiscale, PIN o SPID), Area prestazioni e servizi/Fascicolo previdenziale del cittadino/Posizione assicurativa/Estratto conto.

In caso di contributi mancanti, si deve segnalare, con domanda on-line RVPA (richiesta variazione posizione assicurativa), eventuale contribuzione mancante o anomalie nella propria posizione previdenziale.

Per l’istanza RVPA non è fissato alcune termine perentorio

Nel caso in cui vi fossero dei periodi in cui risulti un mancato versamento dei contributi previdenziali, l’INPS permette di poter riscattare – ai fini pensionistici – con il contributo di riscatto pari al 18% dello stipendio in godimento all’atto della domanda ex art. 598 D.lgs 16.4.1994, n. 97.

Per ogni supporto e informazioni non esitate a contattare il nostro sindacato.